Zecche - malattie trasmesse da Zecche - Studio Veterinario Pineschi Angela

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Continuando la navigazione accetterai il loro uso.Accept Read More
Privacy & Cookies Policy
Vai ai contenuti

Menu principale:

Zecche - malattie trasmesse da Zecche

Articoli utili per il tuo "AMICO"

PRINCIPALI MALATTIE INFETTIVE DEL CANE TRASMESSE DA VETTORI

Con l'arrivo della primavera i nostri amici animali hanno il bisogno di uscire di più e il rischio di malattie trasmesse da vettori è più frequente.
E'  necessario fare un po' di chiarezza riguardo alle malattie trasmesse da vettori che infestano il cane.
I vettori principali sono: LE ZECCHE le quali trasmettono ai nostri amici varie malattie ne ricordiamo alcune:

ANAPLASMOSI GRANULOCITICA.


Agente patogeno è un batterio Gram – detto Anaplasma  phagocytophilum a localizzazione obbligatoria intracellulare(granulociti neutrofili). Il vettore è una zecca del genere IXODEX in  Italia IXODEX RICINUS.
La zecca è distribuita in tutte le regioni italiane trova il suo habitat naturale nei boschi e negli ambienti rurali dove si attacca sia all'uomo che ai mammiferi domestici e selvatici.
La sintomatologia in fase acuta è caratterizzata da batteriemia con febbre alta, letargia,anoressia,dolorabilità muscolare e riluttanza al movimento.

PREVENZIONE
Uso da febbraio inizio marzo di prodotti ben tollerati a lunga persistenza contro le zecche.
Il trattamento dovrebbe essere ripetuto fino alla fine di settembre-novembre, a seconda delle zone.
Non conoscendo i tempi di trasmissione del patogeno durante il pasto di sangue è buona abitudine staccare la zecca il prima possibile dal cane facendo attenzione a non lasciare infisso l'apparato boccale nella cute dell'ospite.

BABESIOSI CANINA

Agente patogeno è un protozoo detto BABESIA CANIS CANIS a localizzazione intraeritrocitaria.
Il vettore anche in questo caso è una zecca detta RHIPICEPHALUS SANGUINEUS e DERMACENTOR RETICULATUS.
La prima zecca è distribuita in tutto il territorio italiano, mentre la seconda solo in alcune aree del nord Italia.
La sintomatologia varia a seconda della zecca in questione, in genere i sintomi sono: febbre, anoressia,depressione del sensorio ,mucose pallide/itteriche e splenomegalia.
L'infezione può decorrere in forma sub-clinica o cronica.
I cani guariscono dopo trattamento terapeutico con antibiotici possono però diventare portatori di sani della malattia con calo delle prestazioni nei cani da caccia.
PREVENZIONE
La stessa di sopra.
 
BORRELIOSI o (MALATTIA DI  LYME)

Agente patogeno è un batterio dell'ordine Spirochetales detto Borrelia Burgdorferi più vicino al gruppo dei gram-.
Il vettore è una zecca del genere IXODEX, in Italia IXODEX RICINUS
Essa è distribuita in tutte le regioni italiane ha il suo habitat nei boschi e negli ambienti rurali colpisce sia l'uomo sia i mammiferi domestici e selvatici.
La sintomatologia clinica che purtroppo non è quasi mai rilevabile, è un rash cutaneo che si sviluppa nella zona di puntura della zecca. Tale manifestazione è descritta nell'uomo (eritema migrante).
I sintomi sono: febbre a volte intermittente,zoppia, linfoadenopatia e malessere generalizzato.

PREVENZIONE

La stessa di sopra

TERAPIA
Antibiotico di scelta è la doxiciclina, 10mg/kg.bid per 30 giorni.
Questi antibiotici somministrati per os vengono dati nella fase acuta della malattia.Bisogna ricordare che i cani restano portatori asintomatici del batterio anche dopo successo terapeutico.

ZOONOSI
Nell'uomo la malattia è a volte molto grave ad esordio simil-influenzale ma con complicazioni articolari,neurologiche e cardiache.                                                                                                                   


EHRLICHIOSI MONOCITICA CANINA
Agente patogeno è EHRLICHIA CANIS batterio gram- a localizzazione obbligatoria intracellulare (monociti,linfociti e granulociti neutrofili).
Il vettore è una zecca chiamata RHIPICEPHALUS  SANGUINEUS.
Essa è distribuita su tutto il territorio nazionale.
I sintomi della malattia sono: nella forma acuta c'è febbre alta (superiore a 40°) .letargia anoressia congiuntivite linfoadenopatia e splenomegalia.
Nella forma subclinica il cane si presenta sano, questa fase può durare anche mesi o addirittura anni.
Infine nella forma cronica c'è letargia, perdita di peso anoressia disturbi dell'emostasi (rinorragia)ecc....



PREVENZIONE

La stessa di sopra.

TERAPIA
Doxiciclina: 10mg./kg. X os per 28-30 giorni.
Tetraciclina cloridrato: 10mg./kg. X os per 28 giorni.
Carbesia : 5mg./kg i.m.

 
03/06/2015
Torna ai contenuti | Torna al menu