Vaccinazioni - Studio Veterinario Pineschi Angela

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Continuando la navigazione accetterai il loro uso.Accept Read More
Privacy & Cookies Policy
Vai ai contenuti

Menu principale:

Vaccinazioni

Articoli utili per il tuo "AMICO"

PERCHE' VACCINARE IL PROPRIO CANE

Vaccinare il proprio amico a quattro zampe è importante per sconfiggere malattie anche mortali, per far ciò si usano dei vaccini che iniettati sottocute stimolano il sistema immunitario a produrre anticorpi verso quel determinato microrganismo, in modo da renderlo immune verso di esso. Questa immunità ha una durata che varia in base al tipo di vaccino e di malattia contro cui deve agire, ma perchè la vaccinazione sia efficace è necessario che l’organismo che riceve il vaccino sia in buone condizioni di salute, di solito prima di fare una vaccinazione è importante eseguire una visita completa, in modo da verificare che l’animale da vaccinare sia sano. La durata dell’immunità conferita dal vaccino varia da organismo ad organismo e, anche se vaccinati i nostri animali possono ammalarsi lo stesso, per questo è una buona norma non dimenticare i richiami e tenere sempre l’animale protetto.


SCHEMA  VACCINALE

CANE

Le vaccinazioni nel cane comprendono quattro malattie:
- gastroenterite virale o parvovirosi canina
- cimurro
- epatite virale
- leptospirosi

Ogni cucciolo va vaccinato a partire da 6-8 settimane di età, ricevendo almeno 3 vaccini a intervalli di 3-4 settimane. L’ultima dose deve essere somministrata a 14-16 settimane. Il richiamo successivo è dopo un anno, e quindi periodicamente per tutta la vita. Se si inizia a vaccinare un cane già adulto, si somministrano due vaccini a distanza di 3-4 settimane, proseguendo poi annualmente.
Nel caso della leptospirosi, poiché questo vaccino conferisce un’immunità di durata inferiore rispetto alle altre malattie, nei cani a rischio si effettuano richiami ogni sei mesi.
Di solito si impiega un vaccino che contiene tutte le malattie (detto tetravalente), tranne nei cuccioli di meno di 8 settimane, in cui si impiegano vaccini senza leptospirosi.
Nel caso il cane venga portato all’estero, o alle mostre canine, è obbligatoria la vaccinazione contro la rabbia, che si può effettuare dopo i 3 mesi di età. I richiami successivi sono annuali. Dal punto di vista legale, per essere considerato valido il vaccino contro la rabbia deve essere stato somministrato almeno un mese prima della partenza.

GATTO

Le vaccinazioni di base che si effettuano nel gatto sono contro importanti malattie virali:

- infezione da herpesvirus
- infezione da calicivirus
- gastroenterite virale

Esiste anche la vaccinazione contro la leucemia felina. Poiché a differenza delle altre tre malattie la leucemia felina si trasmette essenzialmente per contatto diretto con gatti infetti (con la saliva), può essere superfluo vaccinare i gatti che vivono esclusivamente in casa, se non hanno contatti con gatti positivi.
I gattini si vaccinano per la prima volta intorno ai due mesi di età, con un richiamo dopo circa tre quattro settimane. I gatti adulti si vaccinano una volta all’anno. Si può utilizzare un vaccino unico che copre contro tutte queste malattie. Prima di eseguire la vaccinazione contro la leucemia felina è consigliabile eseguire prima il test di controllo per verificare che il gatto non sia già infetto, perché questo renderebbe inutile la vaccinazione.
Il gatto va obbligatoriamente vaccinato contro la rabbia se deve essere portato all’estero o alle mostre feline.
Il vaccino può essere effettuato a partire dai tre mesi di età, con successivi richiami annuali. Dal punto di vista legale, per essere considerato valido il vaccino contro la rabbia deve essere stato somministrato almeno da un mese.

 
 
03/06/2015
Torna ai contenuti | Torna al menu